Se la pensi lei ti pensa

…che poi, io lo so che ci sono momenti in cui ti penso così forte che ti par di sentirmi…

Se pensi intensamente ad una persona, essa sentirà in qualche modo il tuo “chiamare” e, di conseguenza, ti penserà a sua volta. Le verrai in mente. Puoi persino “romperle le scatole” se diventi insistente. Oh già!

Se non credi che questo sia possibile puoi provare, non ti costa nulla.

Ciò che ti serve è solo un ingrediente in più oltre alla mente (sede del pensiero). Cioè ti serve anche il cuore (sede, invece, delle emozioni).

In realtà bastano le vibrazioni mentali e cioè prodotte dal Corpo Mentale ma per un effetto assicurato, se al pensiero si aggiunge l’emozione, è cosa fatta.

Non importa che tipo di emozione. Una persona puoi detestarla o amarla ma lei sentirà il tuo richiamo.

Non capirà cosa le stai chiedendo, a meno che non ci sia tra voi un legame particolare e nutrito da sensibili frequenze, come a volte accade dove uno percepisce che l’altro, ad esempio, gli sta chiedendo aiuto ma, come ho detto, gli verrai in mente e più sarà forte quel pensiero e più rimarrai nella sua testa.

Ogni tipo di rapporto nutre ulteriormente questo meccanismo: tra amici, tra marito e moglie, tra fratelli, tra genitore e figlio ma prende forme anche con chi, magari, hai litigato per un parcheggio due ore prima ed è un emerito sconosciuto.

Quante volte ci capita di pensare a qualcuno e lui ci telefona? Oppure ci scrive un messaggio? E quante volte ricordiamo un tizio che non vediamo da molto ed eccolo spuntare all’improvviso tra le vie del nostro paese?

L’aggancio di vibrazioni che si forma è reale, semplicemente perché sia i pensieri che le emozioni sono un insieme di vibrazioni… reali!

Ti sei mai chiesto cosa davvero siano queste vibrazioni? Ti ricorderai, se mi leggi spesso, quando dissi che da impulsi elettrici diventano chimici all’interno del nostro corpo e, soprattutto, sul palcoscenico del nostro sistema nervoso. Proprio come gli input, i ricordi, le memorie…

Ad esempio, se tu ti scotti prendendo dal fuoco la caffettiera senza la presina, la volta dopo, mentre stai per compiere lo stesso errore, un avviso arriverà al tuo cervello ricordando che compiendo quella mossa ti sei ustionato e hai sentito un gran male e, quell’avviso, non è altro che un insieme di piccolissime, minuscole particelle che portano un messaggio (passatemi il linguaggio semplice comprensibile a tutti).

Le stesse, o simili, che trasportano un pensiero o un’emozione fuori e dentro di noi e che assumono il nome di – onde vibrazionali – o energetiche. Ossia, non è che smettono di esistere al di fuori del nostro corpo. Vibrano formando come dei cerchi attorno a noi e si irradiano. Puoi immaginare quelle delle calamite che sono magnetiche.

Siamo un grande centro propulsore di impulsi elettrici soltanto perché siamo vivi e la vita è movimento. Il tuo corpo, le tue cellule, i tuoi ragionamenti, i tuoi stati d’animo, i tuoi organi producono ogni istante un “movimento” e, il movimento, è energia.

L’energia non è un oggetto. Non è un qualcosa di statico appoggiato su un comodino e con confini propri. E, se proprio dobbiamo dirla tutta, neanche gli oggetti sono completamente immobili essendo formati da molecole e quindi da atomi. Ma se si vuole fare un paragone si può prendere un semplice vaso. L’energia NON è un vaso. L’energia si spande, si muove, va avanti, torna indietro. È un insieme di frequenze che ci circonda.

Se io emano frequenze gialle, come scientificamente accade, esse andranno ad agganciarsi con frequenze simili e cioè gialle o quasi. Ma non solo. È un po’ come se io, la mia energia, pur spargendola ovunque, la potessi anche in parte indirizzare in modo mirato. Per cui, se io penso intensamente a Pincopallino, partiranno da me onde energetiche che andranno da Pincopallino, lo circonderanno, entreranno in lui e lo riempiranno della mia immaginazione che lo riguarda. Stessa cosa vale per quando si ha un’idea e il proprio amico risponde – Stavo giusto pensando alla stessa cosa! -. Ripeto che non si esclude la complicità tra due persone dove questi fenomeni appaiono più frequentemente e più potenti ma, con il pensiero o il ricordo, puoi davvero “richiamare” chiunque o qualsiasi cosa.

Così, quando una persona non riesci a togliertela dalla testa, sappi che potrebbe anche essere “colpa” sua e non solo tua che ti consideri ossessionato! Potresti tranquillamente dirle di lasciarti vivere un po’ in pace! Di non pensarti più! Io sorrido perché, scherzosamente, mi è capitato un sacco di volte. In bene ma anche “in male”, ahimè!

Alla fine di questo concetto puoi anche capire la potenza che hanno il pensiero e le emozioni nella tua immaginazione quando crei, in generale, la tua vita. Giorno dopo giorno. Produciamo vibrazioni che creano come dei minuscoli mattoncini.

Ricorda: i pensieri e le emozioni sono vivi! Sono “cose” vive e hanno una loro forza.

E ora che hai finito di leggere pensa pure a chi vuoi tu e sii educato… non rompere le scatole a nessuno!

Prosit!

6 pensieri su “Se la pensi lei ti pensa

  1. A me è capitato di conoscere una ragazza che, per lavoro, mi contattò via e-mail. Non so come sia fatta, nè ho idea di quanti anni abbia: dal modo di porsi, sembrava che potesse avere un età compresa tra i 18 e i 35 anni, se non qualcosa in più. Provai a cercarla su internet, e, sfortunatamente, non fui in grado di trovare molte informazioni, ad eccezione del profilo linkedin e un profilo facebook. L’anno scorso, poco prima di giugno, scomparve: non fui più in grado di trovarla; infatti tutti i suoi profili social scomparvero da internet. Tutto ciò che ho di lei è un email di Gmail (ormai già disattivata da tempo), il suo nome e cognome, il suo indirizzo ip e le ultime due cifre del numero di telefono. Se non erro, dovrebbe vivere a Milano. Mi è capitata di pensarla spesso, pur non avendola mai vista in foto: mi è bastato il suo modo di porsi per farmi incuriosire. La stessa cosa accade agli inizi del 2019, quando conobbi in chat una ragazza di origine polacca, alla quale avevo confidato molte cose su di me. Di questa ragazza, non conosco nulla. Nemmeno il nome. L’unica cosa che conosco è l’età e la regione in cui vive.
    Entrambe le ragazze sono scomparse, e, qualche volta, mi viene da pensare che il fatto che si siano eclissate possa essere dipeso da me. Ora non so se il post che hai fatto sia valido anche per il mio caso. Se così fosse, sarei contento.

    "Mi piace"

    • Perdonami ma ho capito poco della tua domanda… il fatto di essere scomparse comunque ci sta. Quando sei troppo attanagliato verso un qualcosa e lo brami è la volta che non lo ottieni, questo non significa che loro non ti abbiano pensato pur scomparendo dalla tua vita. Oppure, non avendo capito, ti sto rispondendo in modo errato. Io posso assicurarti che quello che ho scritto accade, per visualizzarlo nella materia, in alcuni casi, serve non avere demoni.

      "Mi piace"

  2. bellissimo questo articolo! Sono ossessionata da un flirt estivo dell´anno scorso, a volte mi appare anche in sogno… ma non capisco se è la sua energia che mi arriva o se sono io… come fare a capire?

    "Mi piace"

    • L’ossessione, ahimè, non attira le cose, anzi… Ciò comunque non significa che la persona non ti stia pensando. E’ sempre la nostra, salvo rari casi di telepatia, richieste di aiuto, etc… ma, anche in questi casi, noi facciamo molto nonostante crediamo che la richiesta arrivi da terzi… 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...